Questo sito usa cookie di profilazione anche di terze parti (Facebook, Twitter, Google+, LinkedIn). La presente informativa è resa da Libreriamo Store ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 tenuto conto dei più recenti provvedimenti emessi dall’Autorità Garante in materia. Per dettagli maggiori, è possibile leggere qui l'Informativa Completa. Ok
0 Articoli

Carrello(0)

Non ci sono più articoli nel tuo carrello
Iva inclusa 0,00 €
Totale (Tasse incl.) 0,00 €
Vincent Van Gogh, 10 curiosità che non tutti sanno

Vincent Van Gogh, 10 curiosità che non tutti sanno

Libreriamo Store 0Commenti

Oltre al celebre aneddoto riguardante il suo orecchio ed i suoi frequenti disturbi mentali, ecco altre curiosità che hanno contraddistinto la vita del pittore fiammingo…

 

MILANO – Vincent Van Gogh è uno dei pittori più amati della storia dell’arte. Fu autore di quasi novecento dipinti e più di mille disegni. Tanto geniale quanto incompreso in vita, Van Gogh influenzò profondamente l'arte del XX secolo. Quello che non tutti conoscono sono alcune curiosità legate alla sua persona ed alla sua vita. Oltre al celebre aneddoto riguardante il suo orecchio ed i suo ifrequenti disturbi mentali, ecco altre curiosità che hanno contraddistinto la vita del pittore fiammingo.

1. L’ORECCHIO TAGLIATO

L’auto mutilazione dell’orecchio sinistro potrebbe rivelare in realtà la vendetta di un “amico”. Secondo alcuni ricercatori storici sarebbe stato Paul Gauguin a mozzare parte del lobo (e non l’orecchio intero). I due vissero insieme per un periodo ed erano soliti litigare. Potrebbe non essere, dunque, un gesto di follia.

2. CANDELE

Per dipingere di notte Van Gogh indossava spesso un cappello di paglia con delle candele accese poste nella tesa o fissate con alcune mollette. La notte “stellata” era una delle fonti d’ispirazione del pittore: “Spesso ho l’impressione che la notte sia molto più viva e riccamente colorata del giorno” scrisse in una lettera al fratello Theo.

SCOPRI I PRODOTTI ISPIRATI ALLE OPERE DI VINCENT VAN GOGH

3. LA NOTTE STELLATA

Una delle opere più famose dell’artista fu dipintA dalla finestra di un ospedale: quello di Saint Paul de Mausole, vicino Saint Rémy, dove lo stesso pittore chiese di essere ricoverato nel maggio 1889.

4. IL NOME

Vincent Van Gogh ereditò il nome del fratellino nato morto.

5. BREVE MA INTENSO

Van Gogh iniziò a dipingere solo all’età di 27 anni, nonostante questo fu molto prolifico: si attestano circa 900 dipinti (in media 2 alla settimana) e 1100 disegni realizzati prima della sua morte, a 37 anni.

6. IL GIALLO VAN GOGH

Il “giallo cromo” – la cifra stilistica che contraddistingue l’artista – un esempio ne sono i Girasoli o La camera di Arles, doveva essere molto più brillante quando fu steso su tela. Con il tempo, questo pigmento instabile è sbiadito.

7. “BRUTTO, SPORCO E…”

Jeanne Calment, una francese di Arles che lo incontrò nel suo negozio, lo descrisse come un tipo “sporco, mal vestito e sgradevole, per niente cortese e malato. Lo chiamavano ‘pazzo”.

8. WANNABE

Prima di tentare la carriera pittorica provò a diventare maestro e mercante d’arte.

9. FOTO

La foto qui mostrata potrebbe essere l’unico scatto a immortalare Van Gogh. L’immagine risalirebbe al 1887. Il pittore non amava essere fotografato. Per gli esperti del Van Gogh Museum di Amsterdam l’uomo nella fotografia non sarebbe l’artista, perché non gli somiglia.

10.  SUICIDIO O OMICIDIO?

Secondo il libro “Van Gogh: The Life”, scritto da Steven Naifeh e Gregory White Smith, biografi e vincitori di un premio Pulitzer Van Gogh non si sarebbe suicidato ma sarebbe stato ucciso da un ragazzo del posto. L’artista era contro il suicidio e inoltre non fu rinvenuta polvere da sparo sulle sue mani né fu ritrovata l’arma utilizzata.

Lascia la tua risposta

*
**Non pubblicato
*Sito con url http://
*

Cerca nel blog